Virtual Emoji è la nuova trovata per il Facebook del futuro, pensata esclusivamente per la realtà virtuale. La struttura del social network più famoso al mondo è in continua evoluzione e lo vediamo ogni giorno nei piccoli aggiornamenti o nei grandi update, che nel corso degli anni hanno introdotto le gif, i video a 360 gradi o i video in diretta, rimanendo sempre al passo con la tecnologia.

Che cos’è Facebook Social VR

Arriva così anche Facebook in realtà virtuale, anche se al momento si tratta semplicemente di una demo, presentata da Mark Zuckerberg in persona durante l’evento dal vivo di Oculus Connect. Noi siamo rimasti a bocca aperta e vogliamo condividere questa esperienza con voi, presentandovi le novità di questa nuova implementazione, che speriamo di vedere presto online.

possiamo-visitare-marte

Visitare Marte con Facebook VR

Una volta indossato il visore di Oculus infatti l’utente prenderà le sembianze di un avatar con il proprio aspetto e completamente personalizzabile. Potrà così interagire e socializzare con altri individui in una sorta di videochiamata interattiva in realtà virtuale.

A cosa servono le virtual Emoji

Ecco quindi spiegate le Virtual Emoji, una versione evoluta delle normali emoticon gialle, perché sarà il nostro avatar virtuale a mostrare le espressioni di gioia, confusione e tristezza quando avremo dato il segnale col controller. Ebbene si, Virtual Facebook va a braccetto con il nuovi controller Touch di Oculus in uscita entro fine 2016 e sarà molto divertente combinare questi due strumenti in uscita per Oculus.

giocare-a-scacchi-in-vr

Giocare a scacchi con gli amici

Gli Emoji vanno quindi a colmare il vero limite di una conversazione virtuale, l’impossibilità per il visore di traslare le nostre espressioni facciali nella realtà virtuale, pertanto non vanno assolutamente sottovalutati. Lo scopo di Facebook è sempre stato quello di connettere le persone e migliorare gli strumenti di comunicazione, per quanto un emoticon non possa rispecchiare a pieno l’insieme di espressioni umane, è un ottimo contributo al linguaggio non verbale che avviene durante le conversazioni.

Cosa possiamo fare nella realtà virtuale di Facebook

In Facebook Social VR potremo infatti muovere le mani e gesticolare mentre parleremo con i nostri amici anch’essi sotto forma di avatar, giocarci a carte o a scacchi oppure disegnare con una penna nel vuoto e spostare le nostre creazioni all’interno dello spazio virtuale. Oltre a questo, durante la presentazione, Zuckerberg mostra come è possibile cambiare scenario ed ambientazione scegliendo tra una varietà notevole di ambienti a 360 gradi, dalle profondità marine, agli uffici di Facebook, fino ad arrivare addirittura su Marte.

È possibile anche ricevere videochiamate esterne durante la nostra esperienza in realtà virtuale, in questo caso chi ci chiama si troverà davanti il nostro avatar e vedrà l’ambiente in cui ci troveremo noi. Incredibile no?! Ma le possibilità non finiscono qui. È infatti possibile fare foto e selfie della nostra esperienza e condividerle immediatamente su Facebook con un semplice click.

selfie-nella-realta-virtuale

Selfie in realtà virtuale

Facebook VR vuole avvicinare le persone

Facebook VR permetterà quindi un nuovo livello di comunicazione ed interazione tra persone anche molto distanti, diverso dalle comuni videochiamate perché potremo interagire con altre persone e con l’ambiente in cui ci troviamo in molteplici modi.

Il potenziale di uno strumento del genere è senza dubbio illimitato: provate ad immaginare un professore può tenere una lezione ad una classe composta studenti di tutto il mondo che partecipano alla lezione indossando tranquillamente Oculus Rift. Oppure una videoconferenza in cui è possibile disegnare diagrammi e schemi soltanto tracciandoli a mano nel vuoto.