Samsung Gear VR nella sua ultima versione, aggiornata a Settembre 2016, è uno tra i più innovativi ed economici visori di realtà virtuale di sempre.

Samsung l’aveva già proposto in passato in ben 3 versioni, le prime due dedicate quasi esclusivamente al mondo degli sviluppatori mentre l’ultima, più recente e venduta a cavallo tra il 2015 e la prima parte del 2016, disponibile per i consumatori.

Produzione e tempi di sviluppo

Il dispositivo nasce dalla collaborazione di Samsung Electronics con Oculus, azienda leader nel settore della produzione di visori per la realtà virtuale. L’ultima versione ha richiesto all’incirca 3 anni di sviluppo (tra versioni beta e non) per arrivare alle condizioni attuali, quello di oggi è il migliore tra i Gear proposti finora, sia in termini di praticità di utilizzo che di comfort e qualità costruttiva.

Il prezzo si aggira intorno ai 129€, una cifra abbordabile e tutto sommato non eccessiva. Va tuttavia tenuto in considerazione il fatto che Gear VR non sia un dispositivo “stand-alone”, pertanto non è in grado di funzionare da solo.

Non è infatti dotato di schermo né di batteria e funziona solo in accoppiata con gli ultimissimi modelli di smartphone proposti da Samsung: smartphone ottimi ma sicuramente non economici. Se dunque l’acquisto collegato ad uno smartphone già in vostro possesso potrebbe risultare particolarmente vantaggioso, l’acquisto completo di Gear più smartphone potrebbe far lievitare il prezzo alle stelle, rendendolo un vero e proprio investimento.

analisi-tecnica-samsung-gear-vr

Timeline

  • 2013 Uscita Galaxy S4 e formazione del primo team di sviluppo per la costruzione del Gear
  • 2014 Dopo vari tentativi fallimentari ha inizio la collaborazione ufficiale con Oculus
  • Settembre 2014 Presentazione del primo Gear per sviluppatori, in accoppiata al Galaxy Note S4
  • Dicembre 2014 Lancio sul mercato dei 2 dispositivi
  • Marzo 2015 Presentazione della seconda versione di Gear, compatibile con S6 e S6 edge. Il dispositivo presenta una ventola anti appannamento interna e una visibilità migliorata.
  • 10 Novembre 2015 Inizio prevendite per Gear VR (1° versione)
  • 20 Novembre 2015 Lancio sul mercato del Gear VR (1° versione) con sold-out immediato
  • Agosto 2016 Presentazione del Gear VR edizione 2016
  • 02 Settembre 2016 Uscita del Gear VR (seconda edizione) in Italia, in corrispondenza dell’uscita di Note 7

Utilizzi di Samsung Gear VR

Il Samsung Gear VR si presta alla perfezione allo svolgimento di molteplici funzioni, come del resto tutti gli altri dispositivi per la realtà virtuale. Oltre all’utilizzo personale, infatti, che è quello per il quale viene venduto anche al grande pubblico, si presta all’applicazione in ambiti come turismo, didattica e non solo.

Grazie al Gear VR è possibile visionare film e concerti, esplorare nuovi mondi e nuove realtà e partecipare a giochi e presentazioni interattive.

Come si può sfruttare per l’intrattenimento

Non a caso è stato già scelto da due tra i più grandi parchi divertimento del mondo per arricchire l’esperienza dei propri visitatori. Il parco belga Bobbejaanland lo fa indossare ai visitatori delle montagne russe Mount Mara, per mandarli fuori di testa con la credibilissima scena di un vulcano in eruzione. La visione delle immagini associata all’adrenalina da roaller coaster, fa si che il Galaxy Gear VR permetta di vivere ai visitatori del parco una tra le più divertenti ed eccitanti avventure di sempre.

I parchi divertimento possono sfruttare i dispositivi per la realtà virtuale davvero in qualsiasi modo, adattandoli a giochi adrenalinici come le montagne russe ma anche alle più semplici “case dell’orrore” o addirittura alle attrazioni dedicate al mondo dei più piccini.

Come si può utilizzare per il turismo

In ambito turistico il Gear VR potrebbe essere davvero spremuto fino all’osso, perché permetterebbe di risparmiare su guide turistiche e noiosi tour guidati consentendo ai viaggiatori di vivere un’esperienza di arricchimento culturale più intima e personale, pur restando a stretto contatto con la realtà circostante e con la bellezza dei luoghi.

gear-vr-con-la-nuova-camera-360-gradi

Come si può usare per la didattica

Per quanto riguarda le strutture didattiche, invece, Gear VR potrebbe essere davvero la svolta definitiva nell’esplorazione di musei e gallerie d’arte. La possibilità di visionare tutto quasi come se ci si trovasse sul posto, infatti, potrebbe rendere incredibilmente più interessante l’esperienza di studio, dando una vera e propria botta di vita alla passione per la cultura e l’arte.

Insomma, non ci sono limiti all’utilizzo pratico di un dispositivo del genere, ma va considerato che la realtà virtuale è stata inserita nel mercato solo di recente pertanto manca ancora una struttura forte nello sviluppo di software adeguati.

Il successo di questi prodotti è assolutamente in crescita ma la diffusione a macchia d’olio tra gli utilizzatori resta ancora molto lontana, bisognerà pertanto avere pazienza e aspettare ancora qualche anno prima di veder concretizzare in maniera abbastanza diffusa le applicazioni pratiche del Gear VR o dei suoi successori.

Caratteristiche dell’Hardware

Il dispositivo è del 19% più leggero rispetto ai suoi predecessori e pertanto si indossa davvero facilmente, con un peso di soli 312 grammi senza contare il peso dello smartphone con il quale viene utilizzato, che dipende ovviamente dal modello scelto dall’utente.

Il prodotto è alto 98,6mm, largo 207,8mm e profondo 122,5mm ed è disponibile in un’ unica colorazione, l’innovativa blue/black, un colore intermedio e affascinante in grado di accostarsi perfettamente a livello cromatico a qualsiasi smartphone compatibile con il dispositivo. Il fatto che il Gear VR non sia né nettamente blu né nettamente nero lo rende infatti estremamente versatile, rendendolo perfetto in accostamento ai dispositivi più scuri (blu e neri) ma anche a quelli più chiari, sia i bianchi che gli innovativi rose gold di Samsung.

Samsung Gear VR al momento è compatibile con i seguenti smartphone:

  • Galaxy Note 7 (con connettore C-type);
  • Galaxy S7;
  • Galaxy S7 Edge
  • Galaxy S6;
  • Galaxy S6 Edge;

Sebbene il connettore principale sia il C-Type per Note 7 e per i futuri modelli ancora in uscita di Samsung, il prodotto viene venduto con un connettore di riserva micro USB per garantirne l’adattabilità con i dispositivi top di gamma più “anziani” del brand.

Materiali utilizzati, sostegni e lenti

Il Gear VR è realizzato in materiali plastici in grado di renderlo leggero e confortevole ma al tempo stesso robusto e resistente. Presenta un’imbottitura in poliuretano, una mascherina, all’interno del visore, che ne consente la corretta adesione al viso senza tuttavia comprometterne la comodità.

Le cinghie di sostegno presentano un’imbottitura interna e risultano comode e pratiche nell’utilizzo. Si tratta di due semplici cinghie laterali che si uniscono tra loro grazie la classica tecnologia a strappo e alle quali può essere agganciato, sfruttando l’ancoraggio presente nella parte posteriore, un pratico cinturino superiore che permette di collegare la parte frontale del visore a quella posteriore delle due cinghie, così da garantire la massima stabilità ed adesione al viso del dispositivo, impedendo inutili e fastidiose oscillazioni durante l’utilizzo.

Le lenti sono state migliorate rispetto all’ultima versione del Gear: presentano un dispositivo interno anti-appannamento, garantiscono una dispersione della luminosità davvero minima e sono interamente antiriflesso. Permettono dunque di sfruttare al meglio i nuovi display super Amoled dei Galaxy compatibili, senza comprometterne la qualità.

sostegni-samsung-gear-vr

Sensori integrati

Gear VR sfrutta tutti i sensori presenti sullo smartphone al quale viene associato, ma ha inclusi di default un precisissimo accelerometro, un giroscopio e gli indispensabili sensori di prossimità, allo scopo di tracciare alla perfezione i movimenti della testa.

Il dispositivo non è dotato di sistemi audio inclusi, è possibile sfruttare delle cuffie esterne collegandole direttamente allo smartphone in uso o sfruttare le casse integrate dello stesso.

Il dispositivo non presenta alcuna fotocamera integrata ma è stato sviluppato appositamente in parallelo alla nuovissima Gear 360°, la fotocamera di Samsung di recente uscita che permette la registrazione di video in formato 360 gradi e che è in grado di cooperare in maniera assolutamente impeccabile con il Gear VR.

Grazie al collegamento tra questi 2 dispositivi, il vostro concetto di “foto” e “video” non sarà più lo stesso! La Gear 360° è di per sé un prodotto molto interessante, che merita un’occhiata indipendentemente dall’acquisto o meno del Gear VR e che è in grado di incontrare alla perfezione le nuove funzionalità dei video a 360 gradi di Facebook e Youtube.

Come controllare il Gear VR

Sul dispositivo è presente un ampio touchpad, posizionato sulle tempie, un pulsante “home”, i tasti per la regolazione del volume, un tasto “indietro” ed una pratica rotellina -posta in cima alla mascherina- per la messa a fuoco e la calibrazione.

Il Gear VR non è dotato di batteria ed il suo funzionamento dipende pertanto esclusivamente dal Galaxy al quale è associato. A tal proposito, ha mostrato ottime prestazioni per i dispositivi più recenti (S7, S7 Edge e Note 7, dotati di batterie estremamente potenti) ma mostra alcune lacune con la gamma S6. Sembra infatti in grado di ridurre l’autonomia della batteria dal 100% al 75% in appena mezz’ora di utilizzo.

Caratteristiche Software del Samsung Gear VR

L’interfaccia di funzionamento del Samsung Gear VR 2016 si basa sulla tecnologia Oculus ed è sviluppata proprio dalla suddetta azienda. Oculus è stata di recente acquistata da Facebook e, non a caso, Mark Zuckerberg ha preannunciato future integrazioni proprio tra il social network e il nuovissimo Gear VR di casa Samsung.

Il funzionamento dell’interfaccia è estremamente intuitivo: ci si orienta all’interno della schermata muovendo la testa e, nel momento in cui l’area di interesse viene “illuminata”, è sufficiente fare tap sul touchpad per esplorarla.

Il touchpad può essere inoltre utilizzato per fare swipe tra un contenuto multimediale e l’altro, proprio come si trattasse del touchpad di un pc o dello schermo di uno smartphone. In alcune occasioni l’interfaccia potrebbe presentare un vero e proprio puntatore, che andrà orientato utilizzando esclusivamente i movimenti della testa. Sono presenti inoltre un software interno che permette la navigazione in internet in modalità ottimizzata, grazie al Samsung Internet e una galleria, che permette la visualizzazione di contenuti multimediali, anche e soprattutto nel formato 360 Gradi.

samsung-gear-vr-anche-per-bmabini

Le 5 migliori applicazioni disponibli

Le app disponibili per Gear VR sono in costante aumento e lo shop ufficiale ne conta attualmente circa 200. Ecco alcune tra le migliori consigliate direttamente da Samsung, per capire le potenzialità del Gear VR:

  • Star chart: l’app che permette di visualizzare in tempo reale il sistema solare e di esplorare in maniera approfondita pianeti e costellazioni;
  • Anshar Wars 2: il gioco di lotta di punta di Samsung: un viaggio entusiasmante tra le battaglie navali
    Gunjack, per gli amanti dello sparatutto Arcade ad alto tasso di adrenalina;
  • Land’s end: il gioco di esplorazione di realtà virtuali sconosciute, tutte da scoprire (e reinventare a seconda dell’andamento del gioco!);
  • Ocean Rift, l’applicazioni per gli appassionati di diving che consente agli utenti di fare un vero e proprio viaggio alla scoperta degli oceani e delle loro meraviglie sommerse (sono disponibili ben 12 scenari differenti, perfetto sia per grandi che per piccini);

Conclusioni

Il prezzo sul mercato del dispositivo si aggira tra i 120€ e i 130€, è possibile acquistarlo sia presso il sito web ufficiale di Samsung che attraverso altri canali di vendita, sia fisici che online, noi vi lasciamo il link ad Amazon qui sotto.

Il lancio ufficiale dell’ultima versione del Gear VR è avvenuto il 2 Settembre 2016, in concomitanza all’uscita del Galaxy Note 7.

A tal proposito, Samsung ha spesso in attivo promozioni che permettono di ottenere Gear semplicemente acquistando un nuovo Galaxy top di gamma e registrandolo sul sito web inserendo i dati ufficiali dello scontrino.

Compra subito Gear VR
La nostra valutazione
Economico, se siete già possessori di uno tra gli smartphone compatibiliLeggero e comodo, perfetto per lunghe sessioni di gioco e nonOttima visuale, buoni anche i materiali
Compatibilità riservata soltanto a top di gamma SamsungTecnologia ancora in via di sviluppo, non male ma potrebbe andar meglioNessuna batteria integrata, tende a scaricare lo smarphone con facilità
7.3Punteggio Totale
Tracking7.5
Controller7
Comfort8
Esperienza6.5