Il 20 Luglio scorso c’è stato un intervento chirurgico in realtà virtuale in Cina nell’ospedale Zhongshan.
È da un po che le industrie dei media cinesi stanno utilizzato la realtà virtuale e ora anche la comunità medica ha cominciato ad adottare questo strumento per illustrare agli studenti universitari com’è effettivamente vivere in prima persona un intervento chirurgico.

Le speciali telecamere e i sensori hanno trasmettono in anteprima una complicata epatectomia, praticamente un’asportazione chirurgica totale o parziale del fegato. Durante l’operazione il team di medici poteva mostrare  nei dettagli i vari passaggi dell’intervento permettendo agli spettatori di visionare con un punto di vista inedito l’intera operazione chirurgica.

Ora l’ospedale è affiliato alla Fudan University che ha in programma di utilizzare la tecnologia VR per
consentire ai pazienti e alle famiglie una chiara descrizione delle operazioni a cui dovranno sottoporsi, cosi i medici non dovranno più utilizzare carta e penna per disegnare le procedure dell’operazione ma potranno mostrare realmente quello che accadrà una volta entrati in sala operatoria.

L’ospedale spera che con questa tecnologia possa contribuire un rafforzamento di fiducia e di comprensione tra i pazienti e i medici e di migliorare la formazione dei neo laureati medici che negli ultimi tempi hanno molte più conoscenze teoriche che pratiche.

Anche in California gli strumenti di medicina saranno in grado di guardare un intervento chirurgico di ernia dal vivo, grazie alla realtà virtuale ed in passato è già stata trasmessa al Royal London Hospital da parte del Dr. Shafi Ahmed la prima operazione chirurgica il live streaming di cui abbiamo già parlato con attenzione. Voi studenti di medicina utilizzereste questo prezioso strumento?