Finalmente Google svela il segreto e ci mostra il già annunciato visore per la realtà virtuale che andrà associato al progetto Daydream una piattaforma in stile Google Play dove gli utenti possono trovare applicazioni di alta qualità per entrare nella realtà virtuale. Il suo nome è Daydream View e si discosta in maniera decisa dal suo fratello minore, il Google Cardboard, evidenziano l’intento di Google di trovare il suo spazio nel mercato della realtà virtuale.

Cosa Caratterizza Google Daydream View

Il dispositivo è stato progettato per dare il meglio per quanto riguarda il comfort dell’utente. Salta subito all’occhio il rivestimento in tessuto, novità piuttosto bizzarra per un apparecchio di questo genere, ma che trova motivo di esistere. Il tessuto infatti permette la traspirazione e si lava davvero facilmente. Inoltre permette di far fuoriuscire l’aria derivante dal surriscaldamento dello smartphone evitando così fastidiosi casi si sudorazione.

Il dispositivo è disponibile in tre diverse colorazioni: Slate, Snow e Crimson che corrispondono al grigio-blu scuro, grigio chiaro e rosso cremisi.

i-tre-colori-disponibili-per-daydream-view

Il peso è decisamente inferiore rispetto al Samsung Gear VR, e ai vari scopiazzamenti in plastica del Google Cardboard, che possiamo trovare in giro, elemento che punta inevitabilmente a migliorarne l’esperienza durante l’utilizzo.

Google Daydream View è facile ed immediato da utilizzare, basta aprire la sezione frontale chiusa da un semplice cordone elastico, inserire nel vano lo smartphone e comincia il nostro viaggio nella realtà virtuale di Daydream.

Il controller di Google Daydream View

La navigazione all’interno delle varie applicazioni è resa ancora più immediata dall’ausilio di un semplice telecomando disponibile assieme al dispositivo che permette, mediante alcuni sensori, di interagire con gli ambienti virtuali semplicemente muovendo la mano che lo tiene.controller-per-google-daydream

Questo controller inoltre dispone di due pulsanti e di un tuchpad per spostare il puntatore con estrema facilità mentre navighiamo in internet o usiamo alcune applicazioni, come Youtube, Netflix e altro.

Compatibilità

Daydream View, come il fratello minore non va collegato al PC, ma funziona associato ad uno smartphone compatibile e non è un caso. Google infatti non ha preso l’occasione di svelare anche la sua nuova  linea di smartphone Pixel, emulando un po’ il discorso che fece Samsung all’uscita del Gear VR.

In ogni caso il nuovo visore di Google non è compatibile unicamente coi nuovi Pixel, che andranno a competere con dispositivi di fascia alta alla stregua di Samsung Galaxy S7 o iPhone 7, ma funziona anche con tutta una serie di telefoni certificati da Google per funzionare con Daydream.

Google ha scelto personalmente di collaborare assieme alle case di produzione Android per avere sul mercato Smartphone caratterizzati per i tempi di latenza bassi e schermo ad alta risoluzione per supportare al meglio la realtà virtuale di Daydream.

la-serie-di-telefoni-pixel-per-il-visore

Applicazioni da provare su Daydream View

L’interazione con le applicazioni rientra nell’ottica della semplicità che Google ha pensato per questo dispositivo. Il pontenziale di questo Google Daydream View è decisamente ampio, potremo infatti:

  • Guardare video a 360 gradi su Youtube;
  • Esplorare località lontane con Google StrettView;
  • Guardare film, serie tv e quant’altro grazie a Google Play o Netflix;
  • Creare foto e video a 360 gradi con Google Cardboard Camera e riprodurli;
  • Giocare a giochi e vivere l’immersività della realtà virtuale;

Quanto Costa?

Il prezzo di Google Daydream View è piuttosto competitivo, se paragonato alla concorrenza. Il dispositivo uscirà sul mercato a partire da Novembre 2016, anche se i pre-order sono disponibili già a partire dal 20 Ottobre.

Il prezzo sia aggira attorno ai 79 euro e può essere facilmente acquistato da Google Store ma arriverà presto anche su Amazon e gli altri Ecommerce online.