Alcuni tra i più grandi nomi per quanto riguarda il mercato della realtà virtuale hanno fatto squadra per stabilire delle norme di qualità ed efficienza per lo sviluppo e la diffusione del VR creando la GVRA.

La GVRA (Global Virtual Reality Association) è costituita da grandi nomi come Google, HTC, Samsung Acer Sony e Oculus e si propone di “promuovere lo sviluppo responsabile e l’utilizzo della realtà virtuale in maniera globale. Nel team non è compresa nessuna società che si occupa unicamente di software, ma anche grandi nomi come Valve, artefice della piattaforma Steam e dello SteamVR e Microsoft, che da anni lavora nella realtà aumentata con il progetto HoloLens, non fanno parte del progetto GVRA. Anche Razer col suo OSVR stranamente manca manca all’appello.

L’idea di questa associazione è quella creare dei canoni per lo sviluppo sia software che hardware in ambito VR, per standardizzare la compatibilità tra i vari visori attualmente in commercio e creare delle regole fisse da rispettare per la creazione di giochi ed esperienze per la realtà virtuale del futuro. Oltre a questo GVRA vuole fare da tramite tra i vari sviluppatori promuovendo il dialogo e la collaborazione tra le varie aziende pubbliche e private e fornire risorse utile anche ai futuri consumatori.

Un’associazione no profit con un’idea davvero nobile, quella di promuovere la realtà virtuale non solo da un punto di vista ludico ma anche pratico incentivando l’utilizzo e la crescita di questa tecnologia nella vita quotidiana. Vedere che le grandi industrie fanno fronte comune e collaborano per il successo della realtà virtuale ci fa sperare in una futura diffusione del VR su larga scala.